EVGENIJ SOLONOVIC

24 luglio 2015 Testi critici 0 Comments

Le nuove possibilità dell’arte figurativa

L’incontro con la pittura di Arrigo Musti ha significato per me la scoperta delle nuove possibilità dell’arte figurativa. Il suo ciclo Acid Rain non è un semplice grido d’allarme, bensì un invito a rallentare il passo, a fermarci, a ragionare, a contemplare la bellezza minacciata da noi stessi. Vedo i fili della pioggia sui quadri del pittore come le corde di un’arpa: le dita dell’arpista sono invisibili perché mangiate dal veleno, ma l’apocalittica  musica muta continua a fare tutt’uno con l’immagine.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest